Motivazione e sport

Cosa ci fa (davvero) correre?

(scopri il questionario ATLET Motivation alla fine dell'articolo)

Ad aprile, avevo in programma di parlarti della gestione del dislivello ... a maggio, i meriti di WE shock ... Mentre scrivo queste righe, questi argomenti mi sembrano abbastanza futili e un po 'fuori luogo ... L'orizzonte mi sembra molto bloccato per i mesi a venire… I raduni sono sempre vietati, le gare vengono cancellate una dopo l'altra… fino a quando questa sporcizia di virus ci impedirà di appendere un pettorale? Quindi oggi piuttosto che parlare di allenamento vero e proprio, volevo parlare di più della motivazione… Cosa ci fa (davvero) correre?

1 - Durante questo periodo di reclusione, mi sembra che siamo stati in grado di distinguere 3 tipi di corridori:
- i nuovi corridori, quelli che hanno approfittato del periodo per iniziare o per riprenderlo 
- coloro che hanno a tutti i costi continuano ad uscire adattando la loro pratica alle restrizioni attuali
- e poi quelli che hanno messo un grosso freno alla loro pratica di corsa. 

E tu, la tua pratica fisica si è evoluta?

Il contenimento ha sconvolto profondamente il nostro stile di vita e questi cambiamenti possono effettivamente spiegare i nostri cambiamenti di allenamento:

- Per molti di noi, il nostro tempo è stato completamente riorganizzato: telelavoro, scuola a casa, 24 ore al giorno con i nostri figli, il nostro partner, nessuna pausa pranzo, videoclip che si susseguono, giornate molto impegnative per alcuni, pigrizia per gli altri… Ma in tutti i casi i tuoi periodi di allenamento sono stati stravolti, era necessario ricreare momenti per se stessi, per la propria pratica e non è facile.

- Anche il nostro spazio è stato limitato, sorvegliato, ristretto: allenarsi un km intorno a casa tua, se segui le regole alla lettera, questo limita un po '... all'inizio va bene, il vincolo ti permette di reinventarti , per rompere le routine di allenamento, ma a lungo andare a volte è un po 'triste ... e può causare stanchezza e demotivazione.

- Anche le nostre interazioni sociali sono state molto limitate ... Non abbiamo mai sperimentato così tanto la "solitudine del corridore di lunga distanza" in questo periodo! Ma correre da soli per alcuni è una vera punizione! 

- E poi non abbiamo avuto nessuna competizione da mangiare per settimane e la carenza di obiettivi durerà! tutti i piani di allenamento crollano, tutto deve essere spostato verso l'autunno e ancora, nulla è certo al momento in cui scrivo ... Per alcuni, "il gusto dello sforzo consiste nell'accettare un inconveniente temporaneo per ottenere una soddisfazione ritardata ma aumentata ”(D. Delignières). Ma se non abbiamo più una competizione in vista, è morta, non ha senso farti del male ... giusto?

2 - Dopo queste poche riflessioni fattuali su ciò che può o non può aver portato a un cambiamento nelle nostre pratiche, ecco alcune strade più teoriche che stanno alla base del concetto di "motivazione".

“Il termine motivazione deriva dal latino motivus, mobile, relativo al movimento. La voglia di muoversi, in contrapposizione alla voglia di restare fermi, è l'essenza stessa della motivazione ”. (R.Cox). Questo si applica così bene alla nostra disciplina!
Non puoi semplicemente ridurre l'argomento a "sono motivato o no? ". La motivazione è una materia complessa studiata in psicologia e mi sono ispirato alla scala, test per offrirti un piccolo questionario sulle motivazioni che ci spingono a correre.

Ti suggerisco di avvicinarti a 2 concetti relativi alla motivazione:

2- 1: La teoria degli obiettivi di raggiungimento
Da cosa siamo motivati? Per dirla semplicemente, siamo motivati ​​principalmente da due obiettivi centrali:
- o per compito, per maestria. Il nostro obiettivo è quindi quello di capire, padroneggiare una particolare attività, progredire, allenarci. Crediamo fermamente che il successo e il progresso dipendono dallo sforzo fornito, proviamo una sensazione di realizzazione attraverso l'apprendimento e la padronanza di un compito difficile (obiettivo di realizzazione che corrisponde alle proposizioni 1, 11, 15 , 25).
- o per performance, competizione, ego. In questo caso, è il confronto sociale che ci spinge in avanti. Vogliamo dimostrare la nostra performance agli altri (obiettivo di realizzazione che corrisponde alle proposizioni 5, 8, 9, 20). “Per un atleta orientato all'ego, avere successo significa conquistare l'avversario attraverso una maggiore abilità e non attraverso lo sforzo o il progresso. "
- Potreste benissimo riconoscervi sia nelle proposte verso il compito che nei confronti dell'Io: i due orientamenti infatti sono indipendenti. "Gli studi hanno dimostrato che in termini di prestazioni, soddisfazione e piacere, l'ideale è essere fortemente orientati verso il compito E verso l'io ma con un alto livello di abilità percepita, con un alto livello di autostima e fiducia in se stessi. Se questo livello è basso, c'è il rischio di evitare sfide concorrenti per paura di fallire ”. Stiamo parlando di una strategia di evitamento, l'auto-handicap, ma c'è ancora un altro aspetto che potrebbe essere interessante da esplorare.

2-2: 2 principali tipi di motivazione intrinseca / estrinseca

Un'altra domanda: come siamo motivati? da fattori interni o piuttosto da fattori esterni?

Gli studi offrono un continuum di motivazione:

- Amotivazione (con A, suffisso privato): non so perché corro, non vedo alcun vantaggio nel correre? (proposizioni rosse del test). Ovviamente, se sei a questo punto della tua domanda, deve essere complicato indossare le scarpe da ginnastica ...

- motivazione estrinseca (proposte verdi del test): Corro per ragioni esterne: per premi, trofei, soldi, lodi, consensi sociali, paura di essere punito ... Se la distribuzione delle "ricompense" si ferma , questo atleta non troverà motivo per continuare ad allenarsi ... e attualmente questo potrebbe essere il caso per alcuni ... Se la competizione è l'unico motore che ti fa andare avanti, la situazione attuale è sicuramente molto difficile da convivere e le scarpe resteranno nell'armadio ancora per un po '...
Tuttavia, queste fonti esterne di motivazione possono essere sempre più integrate, interiorizzate dall'atleta: ad esempio:

1 - all'inizio faccio allenamento con i pesi perché è l'allenatore che mi obbliga o perché le norme sociali mi spingono a farlo
2 - quindi, non sono particolarmente un grande fan del bodybuilding ma vedo che è importante quindi mi attengo alle sessioni
3 - finalmente il bodybuilding mi aiuta a progredire, faccio il bodybuilding di mia spontanea volontà!

- fino alla motivazione intrinseca (proposizioni blu del test), che viene dall'interno. Gli intrinsecamente motivati ​​si lanciano liberamente senza essere spinti da nessuna ricompensa nelle attività per diversi motivi: per conoscenza (nuove tecniche ad esempio), per il raggiungimento (di questa o quella nuova sfida), per lo stimolo (per il euforia all'inizio della competizione, ad esempio), per piacere (semplicemente dispendio fisico). E questi sportivi, credo che raccolgano le autorizzazioni all'uscita. Hanno sicuramente adattato la loro pratica ma continuano ad accumulare chilometri!

Conclusione:

In attesa di poter trovare un po 'più liberamente le strade secondarie, questo potrebbe essere il momento giusto per porsi le domande giuste: ma perché corro davvero! Questi pochi dati teorici ti aiuteranno forse a rendere il punto più obiettivo e sincero possibile ...

Articolo di Maria SEMERJIAN Professore associato EPS e trail runner Ultra elite per il sito del nostro partner ATLET

ATLET nutrizione sportiva biologica

 

SCOPRI LA NOSTRA COLLEZIONE ATLET

Nutri-Bay.com utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza utente. Accetta i cookie per continuare a esplorare il nostro sito
Grazie, è salvato!