Sovracompensazione, l'arma segreta di atleti confermati?

Il recupero è spesso al centro dell'attenzione, ma per ottimizzare i tuoi programmi di allenamento devi guardare oltre: è tutta una dinamica che va migliorata, dallo sforzo al recupero fino alla pianificazione delle sessioni. . Fatto bene, questo ti permetterà di trarre vantaggio dalla sovracompensazione. Ti guidiamo.

Gli effetti dell'allenamento

L'esercizio fisico produce molti cambiamenti all'interno del corpo che possono essere più o meno diretto. Gli effetti dell'allenamento sono generalmente raggruppati in tre tipi: effetti immediato (effetto di una singola sessione), gli effetti differita (intervallo tra due sessioni) e gli effetti cumulativo (a causa di tutte le sessioni).

L'effetto immediato dell'allenamento è il più noto: sono i cambiamenti osservabili durante e alla fine della sessione come il consumo di O2 o la variazione della frequenza cardiaca e respiratoria.

L'effetto dell'allenamento ritardato è già più complesso perché dipende dal tempo rimasto tra due sessioni:

  • Avec une breve fase di recuperostai ancora facendo uno sforzo essendo meno fresco del precedente. Questo aiuta ad abituare il tuo corpo a fare di fronte alla fatica e ai ripetuti sforzi.
  • Con un recupero sufficiente è possibile riprendere l'allenamento e anche durante la prima sessione. Il carico di allenamento è quindi identico.
  • Se si recuperare di più prima di intraprendere un nuovo sforzo, questo è il sovracompensazione.

Triathlon, uno sport per i consumabili?

Infine, rimane l'effetto di allenamento cumulativo corrispondente all'effetto dovuto a tutte le sessioni e quale è il fenomeno principale su cui si basa il principio di sovracompensazione. Questo è ciò che consente a molti triatleti di aumentare le loro prestazioni nel corso degli anni. Sebbene il PMA (la massima potenza aerobica corrispondente corrisponda alla potenza raggiunta dal massimo consumo di ossigeno) limitato a circa 20 anni, la% della PMA a cui l'atleta può chiamare durante un lungo esercizio aumenta con gli allenamenti. Un triathlon, oltre la velocità, è soprattutto una questione di esperienza: è correndo e allenandoci al giusto ritmo che lo sviluppiamo.

Sovracompensazione per migliorare la resistenza

Per migliorare la sua resistenza, non c'è segretodevi sapere come ascoltare il tuo corpo e rimanere scettico sui piani di allenamento miracolosi. Non esiste una formula magica universale per allenarsi, è appropriato che ognuno trovi il suo ritmo per tentativi ed errori. Tuttavia, alcuni principi aiutano a struttura la tua pratica e inseriscilo nel file regolarità, elemento essenziale per sfruttare al meglio il principio della sovracompensazione.

sovracompensazione

Così, operare in cicli alternato cicli intensi e cicli più leggeri aiuto per la sovracompensazione: se non c'è variazione nell'intensità dello sforzo, non c'è “stress” per il corpo che quindi non compensa eccessivamente. Inoltre, la maggior parte della sovracompensazione risiede nel il recupero : un recupero efficace è fondamentale per seguire gli allenamenti. I tre pilastri del recupero sono semplici: mangia bene, bevi bene e dormi bene. In effetti, dopo lo sforzo, il corpo deve ripristinare le sue riserve, è quindi necessario ricercare gli apporti di sale, vitamine, aminoacidi, vitamine e metalli. 

Per ottenere il massimo dalla sovracompensazione, dobbiamo quindi riprendere lo sforzo al momento opportuno : ben implementata, questa tecnica consente di sfruttare l'effetto cumulativo degli allenamenti e di aumentare la sua capacità da un allenamento all'altro.

Nutri-Bay.com utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza utente. Accetta i cookie per continuare a esplorare il nostro sito
Grazie, è salvato!