Acido lattico: miti e fatti

Acido lattico: miti e fatti

Dolori, ustioni muscolari, crampi ...

È comune sentire che questo fenomeno deriva dalla produzione di acido lattico, un veleno che limita le prestazioni fisiche.

SCOPRI IL NOSTRO CATALOGO

Purtroppo questo è un errore veicolato nel mondo sportivo da molti anni ...

1) La realtà dell'acido lattico

L'acido lattico non può esistere nel nostro corpo e nei nostri muscoli.

Questo perché il corpo lavora in un intervallo di pH ristretto e l'acido lattico ha un pH troppo acido per essere presente nel sangue.

È un problema terminologico e l'acido lattico viene scambiato per lattati.

2) lattati

In precedenza pensavamo che un'elevata produzione di lattati fosse dannosa per le prestazioni.

Gli ultimi studi ci hanno mostrato il contrario e la sua produzione è una vera fonte di energia per i nostri muscoli, grazie a diversi meccanismi fisiologici di riciclo e trasformazione.

spiegazioni:

Il corpo produrrà energia attraverso la glicolisi mediante un processo di degradazione del glicogeno (stock di zuccheri nel corpo).

Questa glicolisi è strettamente legata alla produzione di lattati che è il risultato finale.

Più intenso è lo sforzo, maggiore sarà lo stress sul processo di glicolisi per produrre energia per attivare la contrazione muscolare, e maggiore sarà la concentrazione di lattati misurata nel sangue.

La destinazione dei lattati:

Gran parte viene trasformata e utilizzata in energia disponibile per l'organismo

L'altra parte per ricostituire le riserve di glicogeno (stock di zuccheri) nel fegato

3) Allenarsi per utilizzare meglio i lattati

Produciamo lattati a tutti i livelli di sforzo e non solo nel cosiddetto settore anaerobico (senza ossigeno).

Ma più intenso è lo sforzo, maggiore è la produzione di lattati.

Grazie all'allenamento, il corpo metterà in atto adattamenti fisiologici per utilizzare al meglio il meccanismo del lattato, per produrre di più ottimizzando il suo riciclo ad alte intensità.

I migliori atleti sono quelli con i più alti livelli di lattato nel sangue, a differenza degli atleti non allenati.

Un atleta non allenato sarà limitato nel suo sforzo non da un'elevata produzione di lattati, ma al contrario perché non produce abbastanza e non beneficia in modo ottimale del processo di ricreare l'energia.

Questo ci porta a rivedere alcune metodologie a livello di allenamento, in particolare per la preparazione di sforzi di lunga durata (ultra trail, ultra cycling, iron man…).

In pratica:

  • Esecuzione di sessioni ad alta e altissima intensità
  • Sforzi fisici con forti richieste muscolari

La polarizzazione è quindi essenziale per la progressione, con un'alternanza di sessioni intensive necessarie per l'instaurazione di adattamenti fisiologici al meccanismo del lattato, e sforzi a bassa intensità di resistenza.

4) Dolore e stanchezza da sforzo: chi è il responsabile?

Con la teoria del governatore centrale di Timothy Noakes, che ci dà elementi di risposta.

A seconda di molteplici parametri (riserva di energia, idratazione, temperatura corporea, ecc.), Il cervello invierà segnali al corpo per rallentare uno sforzo cosiddetto troppo intenso o insolito, e quindi proteggersi da possibili rischi per il corpo, impostando un margine di sicurezza.

La funzione cerebrale è centrale per la regolazione dello sforzo fisico, con l'obiettivo di mantenere sempre l'equilibrio vitale anticipando.

 "La sensazione di stanchezza è quindi in parte il risultato di un'emozione, piuttosto che un limite puramente fisico"

Con questa visione l'allenamento ci permetterebbe non solo di sviluppare le nostre capacità fisiologiche, ma di spingere i nostri limiti dal punto di vista mentale per superare le soglie della fatica e del dolore.

CONCLUSIONE

L'affaticamento muscolare durante l'esercizio è il risultato di molti fattori e l'acido lattico non è il nemico responsabile poiché non esiste nel corpo.

Dobbiamo parlare della produzione di lattati che non sono scarti, ma elementi essenziali per la creazione di energia, da trasformare e utilizzare dall'organismo, durante e dopo l'esercizio.

Attraverso l'allenamento possiamo ottimizzare la produzione e il riciclo dei lattati, al fine di migliorare le prestazioni atletiche.

SCOPRI IL NOSTRO CATALOGO

Questo contenuto è stato pubblicato dal nostro ambasciatore Guillaume Klein (Personal Coach Esperto in nutrizione e salute sportiva / Specialista in ultra resistenza)
  • Laureato in Nutriformazione specializzato in micronutrizione e nutrizione
  • Formazione in nutrizione sportiva dalla Evonutri Positive Nutrition Academy
  • Allenatore Ultra Trail allenato dall'Alvernia Rhône-Alpes Athletics League
  • Dietista e nutrizionista FC Metz gruppo professionale (dal 2018)
  • Centro di formazione Nutritionist FC Metz (dal 2019)

Appassionato di sport, atleta di ultra resistenza nella corsa e nell'ultra ciclismo, Guillaume ha potuto testare su se stesso i benefici di un equilibrio nutrizionale naturale, adeguato alle sue reali esigenze, e di un allenamento specifico adattato. Guillaume apprezza prodotti di qualità che rispettano le esigenze nutrizionali dell'atleta, ma anche dal punto di vista della salute, una composizione il più naturale possibile.

Approfitta anche tu dei suoi consigli e trova tutti i nostri prodotti su questo sito

Se desideri maggiori informazioni o consigli, non esitare a contattare Guillaume tramite il suo sito www.naturenergy.live.

Nutri-Bay.com utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza utente. Accetta i cookie per continuare a esplorare il nostro sito
Grazie, è salvato!